802.11b Definizione significato

Cos’è il 802.11b?

802.11b è uno dei diversi standard Wi-Fi sviluppati dall’Institute of Electrical and Electronics Engineers ( IEEE). È stato rilasciato nel 1999 insieme a 802.11a come primo aggiornamento della specifica iniziale 802.11, pubblicata nel 1997. Sia l’802.11a che l’802.11b sono standard di trasmissione wireless per reti locali, ma l’802.11a usa una frequenza di 5 GHz, mentre l’802.11b opera su una banda di 2,4 GHz.

Lo standard Wi-Fi 802.11b fornisce una portata wireless di circa 35 metri al chiuso e 140 metri all’aperto. Supporta velocità di trasferimento fino a 11 Mbps, o 1,375 megabyte al secondo. Alla fine degli anni ’90, questo era significativamente più veloce della velocità di Internet disponibile per la maggior parte delle case e delle aziende. Pertanto, la velocità era in genere solo una limitazione per i trasferimenti interni di dati all’interno di una rete. Mentre 802.11b forniva velocità di trasferimento dati simili a quelle di 10Base-T Ethernet, era più lento dei più recenti standard wired LAN, come 100Base-T e Gigabit Ethernet.

Nel 2003, l’IEEE ha pubblicato lo standard 802.11g, che fornisce velocità di trasferimento wireless fino a 54 Mbps. 802.11g ha consolidato le precedenti specifiche 802.11 “a” e “b” in un unico standard che era retrocompatibile con i dispositivi 802.11b. La maggior parte dei dispositivi Wi-Fi ha usato 802.11g per tutti gli anni 2000 fino a quando lo standard 802.11n è stato pubblicato nel 2009.

La descrizione di 802.11b in questa pagina è la definizione originale di SharTec.eu. Se volete linkare questa pagina, non dimenticate di citare la fonte dell’articolo.

SharTec.eu mira a spiegare la terminologia informatica in un modo che sia facile da capire. Ci sforziamo di essere semplici e precisi in ogni definizione che pubblichiamo. Se hai commenti sulla descrizione di 802.11b o vuoi suggerire un nuovo termine tecnico, contattaci.