Amazon ha copiato prodotti e truccato i risultati della ricerca in India; i rivenditori chiedono un’indagine, il senatore degli Stati Uniti sollecita la rottura

Amazon ha copiato prodotti e truccato i risultati della ricerca in India; i rivenditori chiedono un'indagine, il senatore degli Stati Uniti sollecita la rottura

Amazon ha copiato prodotti e truccato i risultati di ricerca in India, come ha dimostrato una recente indagine di Reuters. In seguito al rapporto, la senatrice americana Elizabeth Warren ha chiesto di smantellare Amazon e i rivenditori indiani hanno chiesto un’indagine del governo sulla società.

Il rapporto Reuters ha esaminato migliaia di documenti interni di Amazon e ha scoperto che l’azienda statunitense ha condotto una campagna sistematica di creazione di imitazioni e di manipolazione dei risultati di ricerca per promuovere i propri marchi privati in India, uno dei più grandi mercati di crescita della società.

Il rapporto di mercoledì ha mostrato per la prima volta che, almeno in India, la manipolazione dei risultati di ricerca per favorire i prodotti di Amazon, così come la copia di merci di altri venditori, erano parte di una strategia formale di Amazon – e che almeno due alti dirigenti l’hanno rivista.

Collegandosi alla storia su Twitter, Warren, un critico di lunga data di Amazon, ha detto che “questi documenti mostrano ciò che temevamo sul potere monopolistico di Amazon – che l’azienda è disposta e in grado di truccare la sua piattaforma per beneficiare della sua linea di fondo mentre frega le piccole imprese e gli imprenditori”.

“Questo è uno dei tanti motivi per cui dobbiamo rompere”, ha detto.
Questi documenti mostrano ciò che temevamo sul potere monopolistico di Amazon – che l’azienda è disposta e in grado di truccare la sua piattaforma per beneficiare dei suoi profitti, mentre frega le piccole imprese e gli imprenditori. Questo è uno dei tanti motivi per cui dobbiamo rompere.
– Elizabeth Warren (@SenWarren) 13 ottobre 2021
Un gruppo che rappresenta milioni di rivenditori indiani di mattoni e magazzini ha detto giovedì che il governo del paese deve avviare un’indagine su Amazon.

“Amazon sta causando un grande svantaggio ai piccoli produttori. Stanno mangiando la torta che non è destinata a loro”, ha detto a Reuters Praveen Khandelwal della Confederazione di tutti i commercianti indiani. Il gruppo dice di rappresentare 80 milioni di negozi al dettaglio nel paese.

I rivenditori indiani dicono che le imprese straniere di e-commerce come Amazon e Flipkart di Walmart indulgono in pratiche commerciali sleali che danneggiano le piccole imprese, accuse che le aziende negano.

Amazon non ha risposto a una richiesta di commento sulle reazioni al rapporto.

In risposta alle domande per il rapporto di mercoledì, Amazon ha detto: “Crediamo che queste affermazioni siano di fatto errate e non comprovate”. L’azienda non ha elaborato. Ha aggiunto che Amazon visualizza “risultati di ricerca basati sulla pertinenza alla query di ricerca del cliente, indipendentemente dal fatto che tali prodotti abbiano o meno marchi privati offerti dai venditori”.

Warren, un importante democratico, ha sostenuto la rottura di Amazon e di altri giganti tecnologici nel 2019 quando era in corsa per la presidenza. Da allora, come senatrice del Massachusetts, ha continuato a fare pressione su aziende come Amazon.
In una testimonianza giurata davanti al Congresso l’anno scorso, il fondatore di Amazon Jeff Bezos ha detto che l’azienda vieta ai suoi dipendenti di utilizzare i dati sui singoli venditori per aiutare il suo business a marchio privato. E, nel 2019, un altro dirigente di Amazon ha testimoniato che l’azienda non usa tali dati per creare i propri prodotti a marchio privato o alterare i risultati di ricerca per favorirli.

I documenti di Amazon esaminati da Reuters hanno mostrato come il team di marchi privati dell’azienda in India abbia segretamente sfruttato i dati interni della sua unità India per copiare prodotti venduti da altre aziende, per poi offrirli sulla sua piattaforma.

L’azienda ha promosso le vendite dei suoi marchi privati come AmazonBasics truccando i risultati di ricerca sulla sua piattaforma in India in modo che i suoi prodotti apparissero, come un rapporto strategico del 2016, “nei primi 2 o tre … risultati di ricerca”.

L’Alliance of Digital India Foundation, una no-profit che rappresenta alcune delle più grandi startup dell’India, ha detto che le pratiche dettagliate nel rapporto Reuters erano “altamente deplorevoli”, mettendo in discussione “la credibilità di Amazon come operatore in buona fede nell’ecosistema indiano delle startup”.

In un post sul blog, il gruppo ha esortato il governo indiano a prendere provvedimenti contro “il playbook predatorio di Amazon di copiare, truccare e uccidere i marchi indiani”.

Un alto funzionario dell’ala economica del Rashtriya Swayamsevak Sangh, il genitore ideologico del partito di governo del primo ministro indiano Narendra Modi, ha esortato i consumatori a evitare l’azienda giovedì.

“Invito la gente di questo paese a #boicottareAmazon”, ha detto Ashwani Mahajan, co-conduttore di Swadeshi Jagran Manch, su Twitter.

Related Posts

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia