AMD ottiene Meta come cliente dei chip per i centri dati e affronta Nvidia

AMD ottiene Meta come cliente dei chip per i centri dati e affronta Nvidia

Advanced Micro Devices lunedì ha detto che ha vinto Meta come cliente di chip del centro dati, inviando le azioni di AMD su più di 11 per cento come ha cementato alcuni dei suoi guadagni contro Intel.

Ha anche annunciato una gamma di nuovi chip che mirano a prendere i rivali più grandi come Nvidia nei mercati di supercomputing, così come i concorrenti più piccoli, tra cui Ampere Computing nel mercato del cloud computing.

Dopo anni di inseguimento della molto più grande Intel nel mercato dei chip per processori x86, AMD ha costantemente guadagnato quote di mercato dal 2017, quando un piano di ritorno guidato dall’amministratore delegato Lisa Su ha messo l’azienda in rotta verso la sua attuale posizione di avere chip più veloci di quelli di Intel.

AMD ha ora quasi un quarto del mercato dei chip x86, secondo Mercury Research.

Dopo essersi assicurata Meta, la società precedentemente conosciuta come Facebook, come cliente, AMD ha accordi in atto con molti dei maggiori clienti di Intel. Ha anche accordi con Google Cloud di Alphabet, Amazon Web Services e Azure di Microsoft.

Christopher Rolland, un analista di semiconduttori presso Susquehanna International Group, ha detto in una nota agli investitori che AMD sembrava vincere una parte dell’aumento di spesa di Meta mentre dilaga i piani per costruire mondi virtuali online.

“Gli investitori stanno ora cercando di identificare i grandi beneficiari hardware di questo capex, e l’annuncio di oggi potrebbe suggerire che AMD sta vincendo una parte sana”, ha scritto Rolland.

AMD lunedì ha anche annunciato piani per affrontare i rivali oltre a Intel. L’azienda ha annunciato un chip chiamato MI200, che è un “acceleratore” progettato per accelerare alcuni compiti come l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale.

Il nuovo chip AMD è progettato per sfidare il chip A100 di Nvidia, che, insieme ad altri chip progettati per accelerare l’intelligenza artificiale, ha contribuito a rendere Nvidia la più preziosa società di semiconduttori quotata negli Stati Uniti.

AMD ha detto che l’Oak Ridge National Laboratory in Tennessee userà il nuovo chip nel suo sistema di supercalcolo “Frontier”.

AMD ha anche preso di mira i rivali più piccoli. L’azienda ha annunciato un nuovo processore centrale chiamato “Bergamo” che sarà spedito nella prima metà del 2023. Il chip avrà 128 core di calcolo, che sono utili per le aziende di cloud computing che affittano i loro chip su una base core-by-core a clienti esterni.

Ampere Computing, una startup fondata da ex dirigenti Intel, sta perseguendo una simile strategia ad alto numero di core e quest’anno ha firmato il servizio cloud di Oracle come cliente.