Apple avverte dei rischi del crimine informatico se l’UE la costringe a permettere il software di altre persone

Apple предупреждает о рисках киберпреступности, если ЕС заставит ее разрешить чужое программное обеспечение

Apple mercoledì ha intensificato le sue critiche al progetto di regole dell’UE che la costringerebbero a permettere agli utenti di installare software al di fuori del suo App Store, dicendo che ciò aumenterebbe il rischio di criminali informatici e malware. Ma la Coalition for App Fairness, che include Spotify, Match Group e Epic Games, ha respinto gli argomenti di Apple, dicendo che le misure di sicurezza incorporate come i dati criptati e i programmi antivirus forniscono la sicurezza ai dispositivi, non il suo App Store.

Il gruppo vuole che i regolatori allentino la presa di Apple sul suo App Store in modo da poterlo bypassare per raggiungere le centinaia di milioni di utenti di Apple e anche per evitare di pagare commissioni fino al 30% per gli acquisti effettuati nello Store.

Il produttore di iPhone è stato un critico feroce delle regole proposte dal capo dell’antitrust UE Margrethe Vestager, annunciate l’anno scorso nel tentativo di tenere a freno Apple, Amazon, Facebook e l’unità Alphabet di Google.

Basandosi sui commenti del CEO Tim Cook a giugno sui rischi per la privacy e la sicurezza dei dispositivi iPhone, Apple ha pubblicato mercoledì un’analisi sulle minacce del cosiddetto side-loading.

“Se Apple fosse costretta a supportare il sideloading, più app dannose raggiungerebbero gli utenti perché sarebbe più facile per i criminali informatici prenderle di mira – anche se il sideloading fosse limitato solo agli app store di terze parti”, ha detto il rapporto.

Ha messo in guardia contro la migrazione delle app dannose negli store di terze parti e l’infezione dei dispositivi dei consumatori, mentre gli utenti avrebbero meno controllo sulle app scaricate.

Lo studio ha citato le cifre del fornitore di servizi di cybersicurezza Kaspersky Lab, che ha mostrato quasi sei milioni di attacchi al mese sui dispositivi mobili Android.

Un avvocato del gruppo, Damien Geradin, ha detto che il side-loading è solo una distrazione.

“Ciò che conta per noi è l’obbligo imposto agli sviluppatori le cui app vendono beni e servizi digitali di utilizzare il sistema di pagamento In-App di Apple”, ha detto a Reuters.

“Su questo le rivendicazioni di sicurezza di Apple non hanno gambe. Le soluzioni di pagamento alternative fornite da Stripe, Adyen o Paypal sono sicure quanto lo IAP”, ha detto.

La bozza delle regole dell’UE prende di mira anche queste pratiche.

Apple ha anche preso una frecciata agli inserzionisti digitali con i quali è ai ferri corti per i suoi nuovi controlli sulla privacy progettati per limitare il tracciamento degli utenti iPhone.

“Le grandi aziende che si basano sulla pubblicità digitale sostengono di aver perso entrate a causa di queste caratteristiche di privacy, e possono quindi avere un incentivo a distribuire le loro applicazioni tramite sideloading specificamente per aggirare queste protezioni”, ha detto il rapporto.

La bozza di regole di Vestager ha bisogno del via libera dei legislatori dell’UE e dei paesi dell’UE prima che possano diventare legge, probabilmente nel 2023.

Related Posts

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia