Bitcoin continua a scambiare a oltre 60.000 dollari, mentre il valore di Shiba Inu salta del 15 per cento

Bitcoin continua a scambiare a oltre 60.000 dollari, mentre il valore di Shiba Inu salta del 15 per cento

I prezzi del Bitcoin continuano a scambiare sopra i 60.000 dollari (circa 45.01.050 rupie) per l’11° giorno di fila, anche se non c’è stato molto movimento nelle ultime 24 ore. La criptovaluta più popolare del mondo ha aperto gli scambi di mercoledì a 48.67.354 Rs (circa 64.882 dollari) ma è scesa a 47.68.811 Rs (circa 63.666 dollari) al momento della pubblicazione. Gli investitori sembrano consolidare intorno a questo livello per il momento, anche se un breakout è imminente. Bitcoin ha raggiunto 66.930 dollari (circa 50.20.921 rupie) il 20 ottobre, un massimo storico dopo il debutto negli Stati Uniti di un ETF (exchange-traded fund) incentrato sui futures di Bitcoin.

Il consolidamento del Bitcoin non sembra frenare il progresso di Ether. SharTec.eu’s cryptocurrency price tracker rivela che la seconda criptovaluta di maggior valore sta continuando ad assistere ad un piccolo ma costante aumento. Ether è scambiato a Rs. 3.32.593 (circa 4.440 dollari) ed è in crescita del 1,15 per cento dalla valutazione di apertura per il giorno di Rs. 3.29.179 (circa 4.394 dollari).

Altrove, Shiba Inu sembra fare grandi passi verso l’alto dopo che una petizione su Change.org ha raccolto più di 325.000 firme chiedendo a Robinhood di elencare Shiba Inu. Il rivale Dogecoin ha guadagnato oltre il 15 per cento di valutazione nelle ultime 24 ore, nonostante l’affronto di Elon Musk durante il fine settimana.

Continuando uno stato d’animo positivo per tutta la settimana, Tether, Ripple e Polkadot hanno iniziato la giornata con dei guadagni, mentre i valori di Cardano sono scesi ancora una volta.

Nonostante la mancanza di un movimento immediato sul fronte della valutazione del Bitcoin, l’eccitazione intorno all’asset crittografico è palpabile tra le principali parti interessate. Jelena McWilliams, che presiede la Federal Deposit Insurance Corporation ha rivelato che i regolatori bancari statunitensi stanno cercando di fornire una tabella di marcia per le banche per permettere ai loro clienti di impegnarsi con le criptovalute.

Questa “roadmap” significa regole trasparenti sulla proprietà delle criptovalute per facilitare il trading dei clienti, usandole come garanzia per i prestiti, o anche tenendole nei loro bilanci come attività tradizionali.