BMW eliminerà i motori a combustione dallo stabilimento principale entro il 2024

BMW eliminerà i motori a combustione dallo stabilimento principale entro il 2024

BMW smetterà di produrre motori a combustione interna nel suo stabilimento principale di Monaco entro il 2024, ha detto il suo capo della produzione venerdì in una conferenza che segna l’inizio della produzione del suo modello elettrico i4. I motori ICE attualmente prodotti a Monaco saranno prodotti in futuro nelle fabbriche BMW in Austria e nel Regno Unito, ha detto il capo della produzione Milan Nedeljkovic, anche se le auto che utilizzano i motori saranno ancora assemblate nello stabilimento di Monaco.

Ancora, entro il 2023 almeno la metà dei veicoli prodotti a Monaco saranno elettrificati – sia elettrici a batteria che ibridi plug-in, ha detto l’azienda.

BMW si è prefissata l’obiettivo che almeno il 50% delle nuove vendite globali di auto siano elettriche entro il 2030, e il CEO Oliver Zipse ha detto in una conferenza la scorsa settimana che l’azienda sarebbe stata pronta con un’offerta completamente elettrica se un mercato avesse vietato le ICE per allora.

L’auto elettrica a batteria i4 è stata realizzata su una linea di assemblaggio congiunta con modelli ICE e ibridi come la BMW Serie 3 Sedan e Touring, ha detto l’azienda, un cambiamento che è costato 200 milioni di euro (233 milioni di dollari o 1.746 crore di Rs) di investimenti in infrastrutture di produzione.

Una simile linea di assemblaggio misto è già in corso nello stabilimento di Dingolfing della casa automobilistica, che produce la BMW iX insieme ai modelli ibridi e ICE.

Il nuovo modello avrà la priorità nel processo decisionale su dove allocare gli scarsi chip, ha detto il capo dello stabilimento Peter Weber. L’azienda era ben fornita di altre materie prime, ha aggiunto Nedeljkovic.

BMW ha detto in precedenza che si aspetta di produrre da 70.000 a 90.000 auto in meno di quelle che avrebbe potuto vendere quest’anno a causa della carenza di chip che ha afflitto le case automobilistiche di tutto il mondo.

Si è anche impegnata a ridurre le emissioni della logistica dei trasporti nello stabilimento di Monaco, il più grande dell’azienda, a zero nei prossimi anni, senza dare una data specifica.

Questo sarà raggiunto facendo un uso maggiore del trasporto ferroviario e dei camion alimentati a batteria per trasportare i veicoli dentro e intorno allo stabilimento, ha detto.

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia