Clone Definizione significato

Cos’è il Clone?

Cosa hanno in comune pecore, droidi e computer? Possono essere tutti clonati! Dei tre, i cloni di computer sono di gran lunga i più comuni.

Il termine “clone” è nato a metà degli anni ’80 per descrivere i computer basati su DOS o Windows prodotti da aziende diverse da IBM. Le macchine erano spesso chiamate “cloni IBM” o computer “IBM compatibili”. Erano chiamati cloni perché i computer funzionavano esattamente allo stesso modo di quelli prodotti da IBM. Usavano hardware simile ed eseguivano lo stesso software.

I cloni di PC sono ancora in giro oggi. Infatti ci sono dozzine di produttori di computer basati su Windows ora che negli anni ’80. Aziende come Dell, Gateway, HP, Compaq e Sony producono tutti computer basati su Windows, così come molti altri produttori. Oggi, il termine “PC”, che tecnicamente sta per “Personal Computer”, è spesso usato per riferirsi ai cloni IBM. I cloni di Macintosh sono stati fatti per alcuni anni alla fine degli anni ’90, ma Apple ha forzato la fine della loro produzione facendo funzionare il sistema operativo Macintosh solo sulle macchine a marchio Apple.

“Clone” può anche essere usato per riferirsi al software che serve lo stesso scopo di un altro programma software più mainstream. Può anche riferirsi a dispositivi elettronici diversi dai computer che sono simili ad altri dispositivi elettronici.

La descrizione di Clone in questa pagina è la definizione originale di SharTec.eu. Se volete linkare questa pagina, non dimenticate di citare la fonte dell’articolo.

SharTec.eu mira a spiegare la terminologia informatica in un modo che sia facile da capire. Ci sforziamo di essere semplici e precisi in ogni definizione che pubblichiamo. Se hai commenti sulla descrizione di Clone o vuoi suggerire un nuovo termine tecnico, contattaci.