Coinbase annuncia quattro settimane di chiusura dell’azienda nel 2022 per evitare il burnout dei dipendenti

Coinbase annuncia quattro settimane di chiusura dell'azienda nel 2022 per evitare il burnout dei dipendenti

Coinbase, un importante scambio di criptovalute negli Stati Uniti, ha dichiarato che fornirà ai suoi dipendenti una settimana di riposo ogni trimestre nel 2022 per recuperare e ricaricare dopo “lunghi giorni e lunghe settimane” di lavoro intenso. L.J. Brock, Chief People Officer di Coinbase, ha scritto in un post sul blog aziendale che “quasi tutta l’azienda si fermerà” per quattro settimane quest’anno per consentire ai lavoratori di recuperare dopo aver lavorato con carichi di lavoro pesanti. Brock ha inoltre aggiunto che i dipendenti Coinbase non sono necessariamente limitati a settimane di lavoro di 40 ore.

“Ci siamo resi conto nel 2020 che molti dipendenti non si prendevano abbastanza tempo libero per ricaricarsi, sia perché non volevano costringere i loro compagni di squadra a coprirli o perché non volevano rimanere indietro nel loro lavoro”, ha detto Brock. “Sapevamo che questo era insostenibile, così abbiamo programmato una settimana di ricarica alla fine del 2020 e due settimane di ricarica nel 2021, quando quasi tutta l’azienda avrebbe chiuso I successivi sondaggi tra i dipendenti lo hanno reso chiaro: le settimane di ricarica funzionano”.

“Quattro settimane di tempo di ricarica coordinata potrebbero sembrare un sacco di tempo libero per un’azienda in iper-crescita, ma data l’intensità del nostro lavoro durante tutto l’anno, pensiamo che questo sia il modo migliore per garantire che il nostro ritmo sia sostenibile a lungo termine”, ha aggiunto Brock.

L’annuncio arriva mentre molti lavoratori americani lottano contro le dure condizioni di lavoro, che spesso portano a spostamenti di carriera o dimissioni senza un piano – una tendenza definita “la Grande Dimissione” dai netizen.

Coinbase ha apportato modifiche alla sua politica per consentire ai lavoratori di lavorare in remoto dalle loro case all’inizio della pandemia, e il CEO Brian Armstrong ha detto che l’azienda continuerà a farlo una volta che le “restrizioni della quarantena” saranno rimosse. Come parte della sua missione di “essere remote-first”, il crypto exchange ha dichiarato a maggio che intende chiudere totalmente la sua sede di San Francisco nel 2022.

Lo scambio ha anche provato le “settimane di ricarica” nel 2020, che secondo un sondaggio interno ha aiutato più della metà della forza lavoro a recuperare. Tuttavia, Brock nota nel suo post sul blog che nonostante l’aggiunta di “settimane di ricarica”, una parte considerevole della forza lavoro non era in grado di programmare le vacanze per quelle settimane a causa del carico di lavoro.

Programmare una settimana di riposo qua e là non è un concetto completamente nuovo. Un certo numero di agenzie pubblicitarie negli Stati Uniti offriva un’intera settimana di ferie ai dipendenti intorno al Labour Day. Mentre, aziende come LinkedIn, Hootsuite e Twitch hanno offerto ai dipendenti pause prolungate in altri periodi.