DJI Mavic 3, Mavic 3 Cine Droni con sistema a doppia fotocamera, 46 minuti di volo lanciato

DJI Mavic 3 e Mavic 3 Cine sono stati presentati come gli ultimi droni dell’azienda cinese. I nuovi modelli Mavic sono i successori del Mavic 2 Pro e del Mavic 2 Zoom, entrambi lanciati nel 2018. Sia il Mavic 3 che il Mavic 3 Cine condividono lo stesso design con rilevamento omnidirezionale degli ostacoli e offrono un sistema a doppia fotocamera supportato dal produttore svedese di ottiche Hasselblad. In termini di differenze, il Mavic 3 Cine offre un’esperienza aggiornata con supporto Apple ProRes 422 HQ e SSD integrato da 1TB.

DJI Mavic 3, Mavic 3 Cine prezzo

Il prezzo del DJI Mavic 3 parte da 2.199 dollari (circa 1.63.400 rupie) per la versione Mavic 3 Standard che viene fornito con il drone, una batteria, un controller remoto RC-N1, tre cavi RC-N1, un caricabatterie, una custodia e tre coppie di eliche. il Mavic 3 viene anche in un’opzione DJI Mavic 3 Fly More Combo che ha un prezzo di $2.999 (circa Rs. 2.22.800) che porta due batterie, un hub di ricarica della batteria, cinque coppie di eliche, filtro ND set (ND4/8/16/32) e una borsa da trasporto convertibile oltre a tutto ciò che è in bundle con la versione standard.

Il DJI Mavic 3 Cine ha un prezzo di 4.999 dollari (circa 3.71.400 rupie). È disponibile sotto il DJI Mavic Cine 3 Premium Combo che porta il drone in edizione speciale con 1TB SSD integrato, tre batterie, DJI RC Pro, caricabatterie, hub di ricarica della batteria, coperchio di stoccaggio, sei set di eliche, filtri ND ND4/8/16/32 e ND6/128/256/512, custodia convertibile e un cavo dati DJI 10Gbps.

Inizialmente, la serie DJI Mavic 3 è disponibile per gli ordini negli Stati Uniti attraverso il sito web DJI e i partner di vendita autorizzati.

DJI Mavic 3, Mavic 3 Cine specifiche

Il DJI Mavic 3 e il DJI Mavic 3 Cine sono entrambi dotati della stessa telecamera aerea personalizzata L2D-20c che ospita un sensore CMOS 4/3 con un obiettivo primario da 24 mm, che offre un campo visivo di 84 gradi. Il sistema di telecamere include anche un sensore secondario che ha un obiettivo tele da 162 mm con Hybrid Zoom 28x e apertura f/4.4. Nel complesso, il sistema di fotocamera supporta un’apertura regolabile di f/2.8-f/11 e una gamma dinamica nativa di 12,8 stop. È alimentato da algoritmi software Hasselblad che permette di ottenere immagini fisse da 20 megapixel in formato RAW a 12 bit e video in 5.1K a 50fps e 4K a 120fps.

Per quanto riguarda la distinzione, il DJI Mavic 3 Cine ha la codifica Apple ProRes 422 HQ per una velocità massima di dati di 3772Mbps. La versione migliorata ha anche 1TB SSD. Il normale Mavic 3, d’altra parte, ha 8GB di memoria a bordo.

Ad eccezione della codifica video premium e dello spazio di archiviazione aggiuntivo, il Mavic 3 Cine è identico al Mavic 3.

DJI sostiene che il Mavic 3 offre una tavolozza di colori profondamente accurata che viene da Hasselblad Colour Solution (HNCS). Il drone ha anche la capacità di catturare fino a un miliardo di colori utilizzando il profilo colore D-Log a 10 bit.

Il Mavic 3 è anche in grado di girare video nei profili standard H.264 e H.265.
Oltre alle capacità migliorate della fotocamera, il Mavic 3 include APAS 5.0 che prende in considerazione gli input da sei sensori di visione fish-eye e due sensori grandangolari per rilevare continuamente gli ostacoli. Il sistema di rilevamento degli ostacoli otterrà anche l’ActiveTrack 5.0 aggiornato attraverso un aggiornamento a gennaio che consentirà il rilevamento degli ostacoli anche in modalità normale. Aiuterà anche il drone a muoversi in avanti, indietro, a sinistra, a destra e in diagonale, e a volare accanto e intorno a un particolare soggetto in movimento.

DJI sostiene che la tecnologia proprietaria è in grado di seguire e inquadrare il soggetto anche se si muove troppo velocemente e va temporaneamente fuori dall’inquadratura. Inoltre, il drone ha un algoritmo di posizionamento avanzato che aiuta a migliorare la precisione di hovering utilizzando i satelliti GLONASS e BeiDou.

Il DJI Mavic 3 ha anche un sistema integrato AirSense che era presente nel DJI Air 2S all’inizio di quest’anno. Avverte i piloti di aerei ed elicotteri vicini che trasmettono segnali ADS-B per aiutarli a far volare il drone in una posizione più sicura.

Per tornare indietro in modo sicuro, il Mavic 3 include il sistema Return to Home (RTH) dell’azienda che dirige automaticamente il drone al suo punto di partenza se corre criticamente basso sulla batteria o perde la connessione al controller. Ha anche un aggiornamento del sistema RTH esistente che consente al nuovo modello di determinare il percorso più breve, più sicuro e più efficiente dal punto di vista energetico per atterrare di nuovo al suo punto di partenza.

Il Mavic 3 include un sistema di trasmissione aggiornato che supporta il volo con una forte interferenza del segnale su una gamma di 15 chilometri, ha detto DJI. Il drone è anche il primo drone dell’azienda ad offrire una trasmissione ad alto frame rate con un feed live a 1080p/60fps utilizzando il sistema chiamato O3+.

I piloti possono catturare video di alta qualità attraverso il Mavic 3 che possono essere condivisi con gli altri dopo l’editing automatico e il doppiaggio attraverso la funzione MasterShots. C’è anche una modalità Panorama che permette alle immagini di essere cucite ed elaborate direttamente dal drone, senza utilizzare l’app DJI Fly o qualsiasi altra soluzione di post-produzione. Inoltre, il drone è dotato di QuickTransfer su Wi-Fi 6.

Il Mavic 3 ha una batteria da 5.000mAh che è valutata per fornire fino a 46 minuti di volo con una singola carica, in condizioni ideali. Si tratta di un aggiornamento significativo rispetto al Magic 2 originale che aveva una durata della batteria di 31 minuti. Il nuovo drone ha anche una struttura migliorata che è pieghevole.

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia