DRM (Digital Rights Management) Definizione significato

Cos’è il DRM (Digital Rights Management)?

Sta per “Digital Rights Management”. DRM si riferisce a un insieme di sistemi utilizzati per proteggere i diritti d’autore dei media elettronici. Questi includono musica e film digitali, così come altri dati che sono immagazzinati e trasferiti digitalmente. Per esempio, l’iTunes Music Store di Apple usa un sistema DRM per limitare il numero di computer su cui possono essere riprodotte le canzoni. Ogni file audio scaricato dall’iTunes Music Store include informazioni sul proprietario del file e su quante volte il file è stato trasferito. I file protetti non saranno riprodotti su computer che non sono stati autorizzati a riprodurre la musica.

Il Digital Rights Management è importante per gli editori di media elettronici poiché aiuta a garantire che riceveranno le entrate appropriate per i loro prodotti. Controllando il commercio, la protezione, il monitoraggio e la tracciabilità dei media digitali, DRM aiuta gli editori a limitare la propagazione illegale di opere protette da copyright. Ciò può essere realizzato utilizzando filigrane digitali o la crittografia proprietaria dei file sui media che distribuiscono. Qualunque sia il metodo che gli editori scelgono di impiegare, il DRM li aiuta ad assicurarsi che il loro contenuto digitale sia usato solo da coloro che hanno pagato.

La descrizione di DRM (Digital Rights Management) in questa pagina è la definizione originale di SharTec.eu. Se volete linkare questa pagina, non dimenticate di citare la fonte dell’articolo.

SharTec.eu mira a spiegare la terminologia informatica in un modo che sia facile da capire. Ci sforziamo di essere semplici e precisi in ogni definizione che pubblichiamo. Se hai commenti sulla descrizione di DRM (gestione dei diritti digitali) o vuoi suggerire un nuovo termine tecnico, contattaci.