Elon Musk ha detto questo sul lancio della missione di difesa planetaria DART della NASA

Elon Musk ha detto questo sul lancio della missione di difesa planetaria DART della NASA

Elon Musk ha augurato buona fortuna alla missione di difesa planetaria DART della NASA nel suo tipico stile criptico. La missione, lanciata mercoledì, è destinata a dare una piccola spinta a un asteroide non pericoloso per vedere se può cambiare la sua direzione. Ma il CEO di SpaceX e Tesla, noto per trovare il divertimento nelle situazioni più serie, ha detto che voleva la missione per vendicare la devastazione causata da un asteroide sulla Terra che ha portato all’estinzione dei dinosauri che vagavano su questo pianeta circa 650 milioni di anni fa.

“Vendicare i dinosauri”, ha twittato Musk, riferendosi all’evento di estinzione che ha avuto luogo milioni di anni fa quando un asteroide si è schiantato sulla Terra eliminando la specie dei dinosauri. La reazione di Musk è arrivata su un tweet di un manico della NASA sul lancio della missione Double Asteroid Redirection Test (DART).

“Gli asteroidi colpiscono la Terra da miliardi di anni. Ora, cominciamo a farlo smettere. La missione di test di difesa planetaria della NASA – la missione DART – è decollata ed è ora in viaggio per impattare un asteroide nell’autunno del 2022”, aveva twittato NASA Asteroid Watch.
Vendicate i dinosauri!
– Elon Musk (@elonmusk) 25 novembre 2021
Gli utenti di Twitter hanno reagito al tweet di Musk con le loro divertenti reazioni. “Sì. Non tollererò un’altra estinzione di dinosauri”, ha risposto un utente.
Sì! Non tollererò un’altra estinzione di dinosauri ☄️
– World of Engineering (@engineers_feed) 25 novembre 2021
La missione DART è stata lanciata a bordo di un razzo Falcon 9 di SpaceX da una base in California. La sua missione è quella di colpire un asteroide per testare la tecnologia per difendere la Terra da eventuali pericoli di asteroidi o comete in arrivo. L’asteroide, un lunare chiamato Dimorphos, ha un diametro di circa 530 piedi e attualmente non rappresenta una minaccia per la Terra. Ma appartiene a una classe di corpi conosciuti come Near-Earth Objects. L’obiettivo della missione è quello di cambiare solo leggermente il movimento dell’asteroide in un modo che può essere misurato con precisione utilizzando telescopi a terra.