Giorno dei single: Gli acquirenti cinesi spendono 139 miliardi di dollari durante le festività, battendo il record dello scorso anno

Giorno dei single: Gli acquirenti cinesi spendono 139 miliardi di dollari durante le festività, battendo il record dello scorso anno

Gli acquirenti cinesi hanno speso 139,1 miliardi di dollari durante l’annuale Singles’ Day di quest’anno, battendo il record dell’anno scorso, anche se la spesa è rallentata durante la pandemia di coronavirus.

Alibaba ha registrato 540,3 miliardi di CNY (84,5 miliardi di dollari) di spesa durante il festival che si è svolto dal 1° all’11 novembre, ha detto giovedì la società, una crescita del 14 per cento rispetto al quasi 93 per cento dell’anno scorso.

Il rivale JD.com ha riportato CNY 349,1 miliardi (54,6 miliardi di dollari) in transazioni quest’anno, dal 31 ottobre all’11 novembre, circa un aumento del 28 per cento rispetto al 32 per cento di crescita nel 2020.

Il rallentamento della crescita per il più grande festival dello shopping online del mondo, che in genere termina l’11 novembre, arriva in mezzo a un ridotto clamore del marketing e a un giro di vite sull’industria tecnologica.

Il Singles’ Day è stato visto come il più grande evento di marketing online dell’anno. Negli anni precedenti, il festival è stato pesantemente pubblicizzato per settimane prima del tempo con marchi e commercianti che offrivano sconti profondi per attirare i consumatori in cerca di occasioni.

Ma gli acquirenti dicono che gli sconti profondi di quello che è anche chiamato “Double Eleven” sono ormai una cosa del passato e gli esperti stanno prevedendo vendite più basse a causa del rallentamento dell’economia.

Quest’anno, Alibaba, la piattaforma di e-commerce che ha aperto la strada al festival dello shopping online più di un decennio fa, ha deciso di non mostrare un conteggio in tempo reale del suo volume lordo di merce (GMV) – definito come la quantità di transazioni accumulate sulla sua piattaforma – sul suo sito per il festival dello shopping, assumendo un tono più muto rispetto agli anni precedenti di campagne di marketing sfarzose.

I regolatori cinesi hanno dato un giro di vite alle aziende tecnologiche, indagando su giganti come Alibaba e la ditta di consegne di cibo Meituan su presunte pratiche anticoncorrenziali.

All’inizio di quest’anno, Alibaba ha ricevuto una multa record di 2,8 miliardi di dollari per aver violato le norme antitrust. In vista del Singles’ Day, Alibaba, la rivale JD.com e Meituan sono state tra le aziende a cui è stato chiesto di limitare gli eccessivi messaggi di marketing inviati ai consumatori durante la festa.

La scorsa settimana, 16 operatori di piattaforme di e-commerce – alcuni dei quali sono legati ad Alibaba e Meituan – sono stati anche convocati dai regolatori nella provincia meridionale del Guangdong e avvertiti sulla “concorrenza sleale”.

Le piattaforme stanno anche riducendo la pubblicità per allinearsi con gli appelli del presidente cinese Xi Jinping per la “prosperità comune”, che include il contenimento degli eccessi e la promozione di una più equa distribuzione della ricchezza e delle risorse.

La decisione di non pubblicare un conteggio GMV dal vivo suggerisce che le principali piattaforme di e-commerce cinesi credono che questo display di consumo sia incongruente con gli attuali temi di “prosperità comune””, ha detto Michael Norris, responsabile della strategia di ricerca presso la società di consulenza AgencyChina con sede a Shanghai.

“Mentre non pubblicare un conteggio GMV dal vivo può placare la sensibilità locale, senza un’attenta gestione, può spaventare gli investitori stranieri che sono già preoccupati per le prospettive di crescita di Alibaba”, ha detto.
Anche il rivenditore online JD.com non ha trasmesso pubblicamente un conteggio delle vendite di quest’anno. Ma ha tenuto un evento mediatico giovedì, dove un contatore ha mostrato che a partire dalle 14:00 ora locale gli acquirenti avevano speso oltre 48 miliardi di dollari.

Anche se era comune vedere i consumatori approfittare di profondi sconti nelle passate feste del Singles’ Day per fare scorta di beni di prima necessità, le abitudini di consumo sono cambiate.

La domanda è più debole in mezzo alle incertezze portate dalla pandemia, e il Singles Day è ora in competizione con altri festival di e-commerce durante tutto l’anno.

“Il 2021 è un anno di tempi difficili. C’è la pandemia e vari disastri, la crescita economica è lenta e il mercato azionario non sta andando bene”, ha detto Hua Wei, un residente di Pechino.

“Questi fanno sì che la gente sia un po’ nel panico. Dopo tutto, si ha un senso di sicurezza più forte se ci si tiene stretto il proprio denaro”, ha detto. “Penso che le persone siano anche più razionali ora quando si tratta di consumo”.

Un altro acquirente, Jiang Chen, ha detto che quest’anno si è trattenuto dallo shopping d’impulso, comprando solo ciò di cui aveva bisogno.

“Non penso che sia necessario sprecare tempo ed energia per risparmiare un po’ di soldi, quindi le cose che compro sono quelle di cui ho bisogno”, ha detto, come snack e frutta.

Jiang è sembrato contento di un approccio di basso profilo al festival.

“Spero che ci sia meno pubblicità esagerata e meno clamore nelle future vendite (Singles’ Day) e che gli sconti siano più grandi”, ha detto.

Meng Xiaolu, una responsabile delle vendite che vive nella provincia orientale di Zhejiang, ha detto che ha speso la maggior parte del suo budget di spesa per questo mese nelle vendite del Singles Day di cosmetici e vestiti.

“A causa della pandemia, non sono in grado di viaggiare e fare vacanze, quindi tutto quello che posso fare è trovare un po’ di gioia nello shopping online”, ha detto. “Penso che lo shopping su Double Eleven sia diventato un’abitudine per i giovani”.

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia