I taxi volanti prenderanno il volo a metà del 2020, dice la Vertical Aerospace del Regno Unito

I taxi volanti prenderanno il volo a metà del 2020, dice la Vertical Aerospace del Regno Unito

Stanco degli ingorghi? Immaginate un mondo in cui il vostro taxi prende il volo e atterra in cima all’edificio del vostro ufficio, si ricarica e riparte. Questa è la visione di Stephen Fitzpatrick, fondatore e CEO della britannica Vertical Aerospace, che sta per raccogliere 394 milioni di dollari (circa 2.970 crore di rupie) in una fusione con una società quotata in borsa a New York, e che dice che i suoi aerei voleranno entro la metà del 2020.

E non è solo. Alcuni degli ingegneri e delle compagnie aeree di più alto profilo del mondo credono che Vertical sia su qualcosa con il suo piano per mini-aerei a zero emissioni per portare quasi silenziosamente quattro passeggeri attraverso i cieli fino a 120 miglia (193 km).

American Airlines, il locatore di aerei Avolon, gli ingegneri Honeywell e Rolls-Royce, così come l’unità M12 di Microsoft stanno investendo nella fusione, che dovrebbe essere completata entro la fine dell’anno.

Fitzpatrick, che ha anche creato OVO Energy, il rivenditore di energia n. 3 della Gran Bretagna, ha detto che i voli verticali tra l’aeroporto Heathrow di Londra e il suo distretto finanziario Canary Wharf dureranno 15 minuti e costeranno 50 sterline (circa 5.130 rupie) per passeggero.

Questo potenziale sta attirando l’attenzione delle compagnie aeree. Più di 1.000 aerei VA-X4 sono stati pre-ordinati dai clienti. L’interesse per il velivolo a zero emissioni arriva in un momento in cui le compagnie aeree sono sotto pressione da parte degli investitori per aiutare a decarbonizzare il settore e aumentare i loro punteggi ambientali, sociali e di governance.

“Stiamo andando a firmare accordi. Stiamo trovando l’appetito e la domanda da parte delle compagnie aeree per essere davvero forte”, ha detto Fitzpatrick a Reuters.

La più grande sfida per Vertical è la certificazione dei suoi aerei, che Fitzpatrick ha detto che è sulla buona strada per fare entro la fine del 2024, finanziata da nuovi soldi dalla fusione.

Voli di prova

Fitzpatrick ha avuto l’idea nel 2015, quando si è seduto per ore in 10 corsie di traffico bloccato a San Paolo, in Brasile.

Allora, non c’erano molti concorrenti, ha detto, ma oggi gli analisti stimano che ci sono più di 100 aziende che lavorano su aerei elettrici rivali a decollo verticale e atterraggio (eVOTL).

Il VA-X4 è ancora in costruzione e inizierà i voli di prova all’inizio del prossimo anno. Fitzpatrick crede che le partnership di Vertical lo aiuteranno ad emergere come un vincitore.

Utilizzando la tecnologia delle batterie dall’industria automobilistica, e provate unità di propulsione elettrica e motori, e sostenuta dall’elettronica di Honeywell, Fitzpatrick non ha “alcun dubbio” che il VA-X4 volerà.

La certificazione dipenderà dall’Agenzia per la sicurezza aerea dell’Unione europea (EASA).

“Il processo di certificazione dell’aereo è noto. Le tecnologie sono nuove, ma i passi che dobbiamo fare sono relativamente simili a quelli di altri aerei”, ha detto Fitzpatrick, che ha reclutato ingegneri senior sia da Airbus che da Rolls-Royce.

Lo sviluppo di una nuova modalità di trasporto viene con altre sfide come l’infrastruttura, ma Fitzpatrick è fiducioso.
“Siamo già in discussione con, per esempio, l’aeroporto di Heathrow”, ha detto, indicando fuori dalla finestra del suo ufficio le potenziali posizioni dello skyport sui tetti.

Per quanto riguarda il convincere i passeggeri, è qui che entrano in gioco le compagnie aeree.

“Penso che l’associazione del marchio con le compagnie aeree di fiducia aiuterà davvero i passeggeri ad abbracciare la nuova tecnologia”, ha detto.

Related Posts

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia