Il più grande aggiornamento della rete di Bitcoin da anni migliora la privacy e la scalabilità e introduce i contratti intelligenti

Il più grande aggiornamento della rete di Bitcoin da anni migliora la privacy e la scalabilità e introduce i contratti intelligenti

La rete Bitcoin ha appena visto un importante aggiornamento tecnologico chiamato Taproot, che è il più grande aggiornamento della rete dal 2017. Il nuovo aggiornamento è stato attivato il 14 novembre e permetterà agli sviluppatori di integrare nuove funzionalità che consentono miglioramenti di privacy, scalabilità e sicurezza sulla rete Bitcoin. L’aggiornamento è stato anticipato da giugno, quando oltre il 90% dei minatori ha scelto di “segnalare” il proprio supporto. Un periodo di attesa è stato poi avviato tra il lock-in e la data di attivazione. Questo periodo ha dato agli operatori dei nodi il tempo necessario per aggiornare all’ultima versione di Bitcoin Core, 21.1 – la versione che contiene il codice fuso per Taproot.

L’aggiornamento è il primo aggiornamento importante al codice della rete da Segregated Witness o SegWit (che è stato introdotto nel 2017), che ha affrontato i problemi relativi alla scalabilità della rete. Taproot, che ha visto il sostegno universale della comunità fin dalla sua ideazione, è un insieme di una serie di miglioramenti tecnici nel corso degli anni riuniti in un unico grande aggiornamento.

Una delle principali proprietà dell’aggiornamento Taproot è l’introduzione delle firme Schnorr, permettendo di effettuare transazioni più complesse sulla rete Bitcoin. Fino ad ora, il quadro crittografico utilizzato dalla rete Bitcoin era ECDSA, abbreviazione di Elliptic Curve Digital Signature Algorithm, con gli utenti che firmavano una transazione usando la loro chiave privata per approvarla. Taproot usa lo schema Schnorr che è più veloce e più piccolo di ECDSA, con firme lineari.

Con il nuovo aggiornamento, le transazioni dai portafogli multi-firma appariranno come qualsiasi altra transazione, migliorando la privacy e la sicurezza delle transazioni. Questo alla fine aprirà la strada ai contratti intelligenti, ponendo fine alla necessità di intermediari e portando la rete di Bitcoin alla velocità di Ethereum che permette intrinsecamente contratti intelligenti.

Mentre il potenziale di Taproot è immenso, ci vorrà del tempo prima che l’aggiornamento abbia pieno effetto. Gli utenti non saranno in grado di inviare o ricevere le nuove transazioni fino a quando il portafoglio Bitcoin che stanno utilizzando lo supporta. Questo potrebbe richiedere un po’ di tempo, dato che la maggior parte dei portafogli non lo supporta al momento. L’ultimo grande aggiornamento di Bitcoin, SegWit, ha impiegato quasi due anni per raggiungere livelli di adozione del 50%.

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia