Il regolatore tailandese vuole che le banche si astengano dall’impegno diretto nel trading di criptovalute

Il regolatore tailandese vuole che le banche si astengano dall'impegno diretto nel trading di criptovalute

La Bank of Thailand (BoT), la banca centrale del paese, ha detto che non vuole che le banche commerciali siano direttamente coinvolte nel trading di criptovalute. Chayawadee Chai-anant, il direttore senior della BoT ha detto che le banche sono a disposizione delle persone per depositare e salvaguardare il loro denaro, ma con le criptovalute, il movimento di mercato continuamente fluttuante espone gli investitori a rischi finanziari. Poiché le criptovalute sono modalità non regolamentate e decentralizzate di pagamenti online, sono spesso criticate dalle banche centrali di molti paesi perché sfidano le loro autorità.

“Se le attività digitali diventano ampiamente utilizzate come mezzo di pagamento per beni e servizi, tali rischi potrebbero influenzare la stabilità del sistema di pagamento, la stabilità finanziaria e la protezione dei consumatori”, un rapporto CoinTelegraph ha citato Chai-anant come dicendo.

Il consiglio in qualche modo anti-crypto della BoT arriva in un momento in cui le banche commerciali tailandesi hanno iniziato a investire in scambi di criptovalute locali.

All’inizio di agosto, per esempio, lo scambio di criptovalute Zipmex ha raccolto 1,3 miliardi di dollari (circa 9.811 crore di rupie) in finanziamenti dal quinto prestatore più grande della Thailandia, Bank of Ayudhya.

A novembre, la più antica banca della Thailandia chiamata Siam Commercial Bank (SCB) ha acquisito la maggioranza del 51% delle azioni dello scambio di criptovalute Bitkub con sede a Bangkok.

Questo interesse delle banche thailandesi nello spazio delle criptovalute è diventato una questione di preoccupazione per la banca centrale del paese.

Sakkapop Panyanukul, il direttore senior della BoT ha avvertito i proprietari di imprese contro l’accettazione di pagamenti in criptovalute proprio la scorsa settimana. Il funzionario ha riferito che l’uso di altre valute come opzioni di pagamento ostacolerà la capacità della banca centrale di monitorare l’economia.

Come da un rapporto del Bangkok Post, la BoT sta considerando delle linee guida per regolare lo spazio cripto per ridurre i rischi associati al mercato.

Nel frattempo, la cultura delle criptovalute sta fiorendo in Thailandia con una stima di 3,6 milioni di persone che possiedono criptovalute.