Instagram cercherà di “spingere” gli adolescenti lontano dai contenuti dannosi, spingendoli a “prendersi una pausa

Instagram cercherà di "spingere" gli adolescenti lontano dai contenuti dannosi, spingendoli a "prendersi una pausa

Un dirigente di Facebook ha detto domenica che l’azienda introdurrà nuove misure sulle sue applicazioni per spingere gli adolescenti lontano da contenuti dannosi, mentre i legislatori statunitensi esaminano come Facebook e filiali come Instagram influenzano la salute mentale dei giovani.

Nick Clegg, vice presidente di Facebook per gli affari globali, ha anche espresso apertura all’idea di lasciare che i regolatori abbiano accesso agli algoritmi di Facebook che sono utilizzati per amplificare i contenuti. Ma Clegg ha detto di non poter rispondere alla domanda se i suoi algoritmi hanno amplificato le voci delle persone che hanno attaccato il Campidoglio degli Stati Uniti il 6 gennaio.

Gli algoritmi “dovrebbero essere tenuti a rendere conto, se necessario, da una regolamentazione in modo che la gente possa abbinare ciò che i nostri sistemi dicono di fare con ciò che effettivamente accade”, ha detto Clegg a “State of the Union” della CNN.

Ha parlato giorni dopo che l’ex dipendente di Facebook e whistleblower Frances Haugen ha testimoniato a Capitol Hill su come la società invoglia gli utenti a continuare a scorrere, danneggiando il benessere degli adolescenti.

“Stiamo per introdurre qualcosa che penso farà una notevole differenza, che è dove i nostri sistemi vedono che l’adolescente sta guardando lo stesso contenuto più e più volte ed è un contenuto che potrebbe non essere favorevole al loro benessere, li spingeremo a guardare altri contenuti”, ha detto Clegg alla CNN.

Inoltre, “stiamo introducendo qualcosa chiamato, ‘take a break’, in cui inviteremo gli adolescenti a prendere semplicemente una pausa dall’uso di Instagram”, ha detto Clegg.

I senatori degli Stati Uniti la scorsa settimana hanno torchiato Facebook sui suoi piani per proteggere meglio i giovani utenti sulle sue applicazioni, basandosi su una ricerca interna trapelata che ha mostrato che il gigante dei social media era consapevole di come la sua app Instagram danneggiasse la salute mentale dei giovani.

La senatrice Amy Klobuchar, una democratica che presiede la sottocommissione antitrust del comitato giudiziario del Senato, ha sostenuto una maggiore regolamentazione contro le aziende tecnologiche come Facebook.

“Sono stanca di sentire ‘fidati di noi’, ed è il momento di proteggere quelle mamme e papà che hanno lottato con i loro figli che diventano dipendenti dalla piattaforma e sono stati esposti a tutti i tipi di cose cattive”, ha detto Klobuchar alla CNN domenica dopo l’intervista di Clegg.

Ha detto che gli Stati Uniti hanno bisogno di una nuova politica sulla privacy in modo che le persone possano “scegliere” se sono favorevoli alla condivisione dei loro dati online. Gli Stati Uniti dovrebbero anche aggiornare le leggi sulla privacy dei bambini e la sua politica di concorrenza, e richiedere alle aziende tecnologiche di rendere i loro algoritmi più trasparenti, ha detto Klobuchar.

Clegg ha notato che Facebook ha recentemente messo in attesa i suoi piani per lo sviluppo di Instagram Kids, rivolto ai preadolescenti, e stava introducendo nuovi controlli opzionali per gli adulti per supervisionare gli adolescenti.

Related Posts

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia