Kevin Spacey pagherà 31 milioni di dollari dopo aver perso la causa di arbitrato con i produttori di House of Cards | Notizie di spettacolo

Kevin Spacey pagherà 31 milioni di dollari dopo aver perso la causa di arbitrato con i produttori di House of Cards | Notizie di spettacolo

La disgraziata star del cinema statunitense Kevin Spacey dovrà pagare quasi 31 milioni di dollari (circa 230 crore di rupie) alla società di produzione che ha realizzato la serie House of Cards in cui ha recitato fino al licenziamento per accuse di molestie sessuali, secondo documenti legali resi pubblici.

MRC, la società di produzione che ha realizzato il popolare racconto di intrighi politici che è stato trasmesso su Netflix, ha chiesto i danni per le mancate entrate attribuite alla brusca uscita di Spacey dopo le accuse di molestie e abusi sessuali emerse.

Un giudice arbitrale ha emesso la sentenza il 19 ottobre, quando MRC ha presentato una petizione per confermare il verdetto in un tribunale di Los Angeles.

Nel documento, MRC ha dettagliato che dopo che le accuse sono venute alla luce ha sospeso Spacey e ha lanciato un’indagine che ha scoperto che la star di American Beauty ha “violato le disposizioni di entrambi gli accordi di recitazione e di produzione esecutiva che stabiliscono gli standard per la sua condotta sul posto di lavoro, compresa la violazione della politica di molestie di MRC”.

L’ondata di accuse che ha fermato l’illustre carriera del 62enne ha coinciso con l’ascesa del movimento #MeToo contro le molestie sessuali e gli abusi, scatenato dal caso dell’onnipotente produttore di Hollywood Harvey Weinstein.

Il due volte premio Oscar Spacey aveva interpretato il politico statunitense senza scrupoli Frank Underwood in cinque stagioni di House of Cards, fino a quando le accuse di molestie sessuali contro i colleghi sono state rese pubbliche dai media.

“MRC non era a conoscenza di alcuna condotta di questo tipo da parte di Spacey con qualsiasi cast o troupe associata allo spettacolo”, ha detto la società nella sua petizione.

La società di produzione ha detto che la brusca uscita dell’attore dalla popolare serie ha richiesto una riorganizzazione che ha portato a “perdite sostanziali” per MRC.

Ha dovuto riscrivere la sceneggiatura escludendo Underwood, il personaggio principale della serie, e riprogettare la sesta stagione che è passata da 13 a otto episodi.