L’FC Barcelona cancella l’accordo con Ownix NFT due settimane dopo l’annuncio

L'FC Barcelona cancella l'accordo con Ownix NFT due settimane dopo l'annuncio

L’FC Barcelona, uno dei più grandi club di calcio al mondo per fatturato, ha deciso di annullare un accordo stipulato all’inizio di questo mese con il marketplace di token non fungibili (NFT) Ownix dopo l’arresto del magnate israeliano della crittografia Moshe Hogeg – un consulente per il marketplace NFT. La rescissione è arrivata sotto forma di una breve dichiarazione del club attraverso il suo sito web, pochi giorni prima che la prima asta di raccolta NFT del club fosse programmata sulla piattaforma. FC Barcelona sostiene che la cessazione dei legami con Ownix è in atto con effetto immediato.

La polizia ha arrestato Moshe Hogeg, che secondo quanto riferito ha legami con Ownix, con il sospetto di essere coinvolto in una presunta frode massiccia legata alle criptovalute. È stato arrestato insieme ad altre sette persone. Hogeg è il co-fondatore di Sirin Labs – la stessa azienda che ha lanciato il tanto sbandierato smartphone blockchain nel 2019, e anche il proprietario del club di calcio israeliano Beitar Jerusalem.

La dichiarazione di cancellazione dell’FC Barcelona recita: “Alla luce delle informazioni ricevute che vanno contro i valori del club, l’FC Barcelona comunica la cancellazione del contratto per creare e commercializzare asset digitali NFT con Ownix con effetto immediato.”

In risposta alla cancellazione, Ownix ha rilasciato una dichiarazione in cui prende le distanze da Hogeg e afferma che gli “incidenti” sono accaduti anni fa. Afferma di aver terminato il suo accordo di consulenza con Hogeg, apparentemente su richiesta di Hogeg. Mentre le fonti all’interno del FC Barcelona sostengono che Hogeg era solo un “consulente esterno” per Ownix, il mercato NFT si astiene dal dichiarare se Hogeg possedeva token ICO (initial coin offering) di nome ONX che è stato creato a fine luglio.

L’accordo dell’FC Barcelona con Ownix ha coinvolto il lancio di NFT incentrato sul miglioramento della sua base finanziaria, migliorando al contempo le connessioni con la sua fanbase globale. La serie è stata impostata per presentare gingilli digitali di momenti storici dei 122 anni di storia del club, che comprende un’illustre bacheca di trofei che presenta 95 allori nazionali e internazionali, tra cui 26 titoli di campionato nazionali e cinque titoli di UEFA Champions League.

Anche se il club e quelli di Ownix non hanno scritto un piano vero e proprio, il club ha voluto consentire ai fan di fare offerte su clip di momenti salienti in aste online abilitate attraverso il marketplace di Ownix. I fan avrebbero dovuto fare un’offerta sugli eventi più iconici del club nel corso dell’anno catturati dalla telecamera per avere un pezzo di filmato per se stessi. Ownix, nel frattempo, aveva dichiarato che gli NFT del Barcellona sarebbero stati selezionati da un “comitato speciale congiunto” e poi coniati, prima come aste uniche una tantum e poi come una collezione più ampia.

I marchi e i club di calcio con una massiccia base di fan globali hanno esplorato gli NFT come un modo per generare reddito e aumentare il coinvolgimento dei fan. A settembre, la Liga spagnola è diventata la prima delle principali leghe calcistiche europee ad offrire NFT di tutti i suoi giocatori attraverso la piattaforma digitale francese di collezionismo calcistico Sorare. Anche altri club europei come Porto, AS Roma e Liverpool hanno precedentemente annunciato accordi NFT.