La NASA lancerà nuovi sistemi di comunicazione laser per accelerare la trasmissione di dati dallo spazio alla terra

La NASA lancerà nuovi sistemi di comunicazione laser per accelerare la trasmissione di dati dallo spazio alla terra

La NASA sta per testare una tecnologia laser nello spazio. Questa missione ha lo scopo di accelerare le comunicazioni spaziali. Il Laser Communications Relay Demonstration (LCRD) sarà lanciato il 4 dicembre dopo un ritardo di due anni. La tecnologia sarà lanciata nello spazio a bordo di un razzo United Launch Alliance Atlas V durante la missione Space Test Program Satellite-6 (STPSat-6) del Dipartimento della Difesa. La missione dovrebbe essere lanciata dalla Cape Canaveral Space Force Station in Florida.

Nonostante il ritardo, gli investigatori suggeriscono che l’LCRD sarà lanciato giusto in tempo per beneficiare della missione Artemis con equipaggio sulla Luna, la cui esecuzione è prevista per il 2025.

La NASA ha elaborato l’uso dei laser nella comunicazione spaziale. Ha detto che la tecnologia permette 10-100 volte più dati inviati alla Terra rispetto alle frequenze radio.

Se le missioni cominciassero a usare i laser, si eviterebbe anche il sovraffollamento dello spettro delle frequenze radio, ha detto Badri Younes, il vice amministratore associato del programma di comunicazioni e navigazione spaziale della NASA.

L’agenzia spaziale ha anche condiviso un video sul canale YouTube della NASA Goddard per mostrare come funzionerà l’LCRD.

Il sovraffollamento dello spettro delle radiofrequenze è accelerato da quando sono aumentate le mega-costellazioni di satelliti nelle orbite basse della Terra. L’LCRD è importante perché la NASA e il settore commerciale stanno pianificando diverse missioni spaziali utilizzando Artemis, insieme alla prevista stazione spaziale Gateway e al programma Commercial Lunar Payload Services.

La dimostrazione viaggerà nell’orbita geosincrona a 22.236 miglia (35.786 chilometri) e non raggiungerà la luna. Il test durerà almeno due anni.

La NASA ha detto che la dimostrazione sarà molto più lunga di altre brevi missioni di successo che hanno accelerato la comunicazione spaziale.

Trudy Kortes, direttore delle dimostrazioni tecnologiche presso lo Space Technology Mission Directorate della NASA, ha detto: “Questo nuovo sistema non solo fornirà velocità di trasmissione dati più elevate, ma ottimizzerà quello che noi chiamiamo SWAP – o dimensione, peso e potenza. Sarà più piccolo nel volume, peserà meno e userà meno energia rispetto all’attuale stato dell’arte [tecnologia]”.