Le regole di pagamento dell’App Store di Apple sono anticoncorrenziali, secondo l’organo di controllo olandese

Le regole di pagamento dell'App Store di Apple sono anticoncorrenziali, secondo l'organo di controllo olandese

L’autorità antitrust olandese ha scoperto che le regole di Apple che richiedono agli sviluppatori di software di utilizzare il suo sistema di pagamento in-app sono anticoncorrenziali e le ha ordinato di apportare modifiche, hanno detto quattro persone che hanno familiarità con la questione, nell’ultima battuta d’arresto normativa per il produttore di iPhone.

Le politiche di pagamento dell’app-store di Apple, in particolare il suo requisito che gli sviluppatori di app usino esclusivamente il suo sistema di pagamento dove le commissioni variano tra il 15 per cento e il 30 per cento, hanno attirato a lungo le lamentele degli sviluppatori.

L’indagine olandese per stabilire se le pratiche di Apple equivalgono a un abuso di posizione dominante sul mercato è stata lanciata nel 2019, ma in seguito ha ridotto la portata per concentrarsi principalmente sulle app del mercato degli incontri.

Hanno incluso una denuncia di Match Group, proprietario del popolare servizio di incontri Tinder, che ha detto che le regole di Apple gli stavano impedendo di comunicare direttamente con i suoi clienti sui pagamenti.

L’Autorità olandese per i consumatori e i mercati (ACM) il mese scorso ha informato il gigante tecnologico statunitense della sua decisione, rendendolo il primo regolatore antitrust a fare una scoperta che la società ha abusato del potere di mercato nell’app store, anche se Apple sta affrontando sfide in più paesi.

ACM non ha imposto una multa contro Apple, ma ha chiesto modifiche al sistema di pagamento in-app, hanno detto le persone. La decisione non è stata vista da Reuters.

Un portavoce di ACM ha rifiutato di commentare, dicendo che la questione è attualmente sotto esame legale. Il regolatore ha precedentemente detto che si aspetta di pubblicare la sua decisione quest’anno.

Apple non è stata immediatamente disponibile a commentare. L’azienda sostiene che le regole del suo app store garantiscono la sicurezza e la privacy dei suoi utenti.

Match ha rifiutato di commentare. Un avvocato che rappresenta l’azienda nel caso olandese ha detto che non poteva commentare.

Le persone hanno detto che Apple ha chiesto alla Corte distrettuale di Rotterdam un’ingiunzione per bloccare la pubblicazione della sentenza durante il suo appello.

Un portavoce del tribunale ha confermato l’esistenza della causa per bloccare la pubblicazione, ma non ha potuto dire quando è prevista una decisione. Il procedimento non è aperto alla stampa o al pubblico.

La Commissione europea ha lanciato un’indagine nel 2020 parallela a quella olandese, ma si è concentrata sul fatto che le regole dell’app store favoriscano le applicazioni Apple quando ci sono prodotti concorrenti, come Apple Music contro Spotify.

Un giudice americano il mese scorso ha ordinato ad Apple di rendere più facile per le app promuovere sistemi di pagamento alternativi. Il querelante Epic Games, il creatore di Fortnite, sta facendo appello, dicendo che la decisione non va abbastanza lontano.

La Corea del Sud ha promulgato una legge che impedisce agli operatori di app store di costringere gli sviluppatori a usare i loro sistemi di pagamento ufficiali. Apple e Google devono rispondere questo mese su come si conformeranno.

In Giappone, Apple ha risolto un’indagine antitrust accettando di permettere ad alcune applicazioni di musica, video ed e-book, in particolare Netflix, di promuovere opzioni di acquisto al di fuori delle loro applicazioni.

Related Posts

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia