Mark Cuban dice che l’80% dei suoi nuovi investimenti ‘Non-Shark Tank’ sono nel settore Crypto

Mark Cuban dice che l'80% dei suoi nuovi investimenti 'Non-Shark Tank' sono nel settore Crypto

Mark Cuban ha rivelato che a parte le sue scelte da Shark Tank, l’80% dei suoi nuovi investimenti sono intorno alle criptovalute. Il magnate degli affari stava registrando un podcast con l’ex presentatore del Daily Show Jon Stewart quando ha fatto la rivelazione. Il proprietario della squadra NBA Dallas Mavericks è già noto per il suo sostegno alla cultura crittografica in espansione. Cuban crede che mentre il Bitcoin sarà l’oro della nuova era, Ethereum è la cosa più vicina ad una vera valuta.

Il 63enne investitore di Shark Tank ha parlato della sua ammirazione per l’elemento decentralizzato delle criptovalute. Cuban è impressionato dal fatto che i possessori di criptovalute hanno voce in capitolo nel dirigere la traiettoria generale dei loro token preferiti.

“Gli investimenti che sto facendo ora non sono in imprese tradizionali. L’ottanta per cento degli investimenti che faccio e che non sono in Shark Tank sono in e intorno alle criptovalute”, ha detto Cuban a Stewart.
Quando guardo le criptovalute, guardo come un imprenditore e chiedo come qualsiasi combinazione di contratti intelligenti, decentralizzazione, sicurezza ed economia, consentono un modo migliore di fare affari e creare opportunità. Se ne vedo uno, inizio o ci investo.
– Mark Cuban (@mcuban) 12 gennaio 2022
Cuban ha riconosciuto che il settore delle criptovalute è ancora in fieri, ma ha anche ribadito la sua fiducia nello spazio in erba.

Ha paragonato l’attuale sentimento di scetticismo intorno allo spazio delle criptovalute a come si guardava Internet nel 1995.

“[Le criptovalute sono] difficili da capire ed è una seccatura, ma tra dieci anni, queste applicazioni – ci saranno quelle che avranno successo – creeranno la propria economia, e proprio come ai tempi di Internet, sarà la generazione più giovane che lo capirà per prima e sarà innovativa. È il 1995 per le criptovalute”, ha aggiunto il miliardario.

Cuban, a titolo personale, ha cercato di guidare l’adozione delle criptovalute negli Stati Uniti.

La sua squadra di basket è stata una delle prime ad iniziare ad accettare pagamenti in Dogecoin per la sua merce e subito dopo, ha detto Cuban, è stato osservato un aumento del 550 per cento dei pagamenti Doge appena dopo il primo mese.

L’investitore miliardario ha un portafoglio di criptovalute diversificato. Esso comprende i grandi nomi come Bitcoin, Ether, Dogecoin, e altre altcoins.