Microkernel Definizione significato

Cos’è il Microkernel?

Un microkernel è un kernel minimalista progettato per essere il più piccolo possibile. Contiene solo il codice di base necessario per comunicare con hardware e caricare un sistema operativo.

La maggior parte dei kernel moderni, a volte chiamati “kernel monolitici”, contengono diversi milioni di linee di code. Per esempio, il Kernel Linux 3.0 include oltre 15 milioni di linee. I microkernel, invece, generalmente contengono meno di 10.000 linee di codice. Sono in grado di mantenere una piccola dimensione caricando la maggior parte dei processi di sistema nella modalità utente piuttosto che nel kernel stesso.

Un kernel monolitico può includere device driver, file system supporto, e comunicazione tra processi (IPC) protocolli per applicazioni. Un microkernel include solo i protocolli IPC di base del sistema e le funzioni di gestione della memoria. Tutto il resto è caricato in modalità utente (quando un utente si collega). Questo mantiene la dimensione del kernel piccola e fornisce anche un tipo di sistema operativo modulare poiché i driver e i file system personalizzati possono essere caricati dal kernel.

I microkernel erano popolari negli anni ’80 a causa delle limitazioni di memoria e archiviazione dei primi sistemi informatici. Mentre sono ancora usati per alcuni server OS, la maggior parte dei maggiori sistemi operativi, come Windows e OS X, usano kernel monolitici.

La descrizione di Microkernel in questa pagina è la definizione originale di SharTec.eu. Se volete linkare questa pagina, non dimenticate di citare la fonte dell’articolo.

SharTec.eu mira a spiegare la terminologia informatica in un modo che sia facile da capire. Ci sforziamo di essere semplici e precisi in ogni definizione che pubblichiamo. Se hai commenti sulla descrizione di Microkernel o vuoi suggerire un nuovo termine tecnico, contattaci.