Samsung sceglie il Texas per il suo nuovo impianto di chip da 17 miliardi di dollari

Samsung sceglie il Texas per il suo nuovo impianto di chip da 17 miliardi di dollari

Samsung ha detto di aver scelto Taylor, Texas, come posizione per un nuovo impianto da 17 miliardi di dollari (circa 1.26.480 crore) per fare chip avanzati per funzioni come la telefonia mobile, 5G, calcolo ad alte prestazioni e intelligenza artificiale.

L’impianto creerà 2.000 posti di lavoro high-tech con la costruzione che inizierà nella prima metà del prossimo anno, e la produzione dovrebbe iniziare nella seconda metà del 2024, ha detto il gigante tecnologico sudcoreano. Creerebbe anche almeno 6.500 posti di lavoro nella costruzione, ha detto il governatore del Texas Greg Abbott.

Il più grande produttore di chip di memoria del mondo e il secondo produttore di chip a contratto avevano anche considerato siti in Arizona e New York per l’impianto, che sarà molto più grande del suo unico altro impianto di chip negli Stati Uniti ad Austin, Texas.

L’azienda ha detto di aver scelto il Texas sulla base di fattori come la stabilità delle infrastrutture, il sostegno del governo e la vicinanza al suo impianto esistente.

Samsung si unisce ai rivali TSMC e Intel nella corsa per espandere la produzione di chip a contratto negli Stati Uniti, dove il settore è visto come un’area di competizione strategica con la Cina.

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha promesso miliardi di dollari di finanziamenti federali per aumentare la produzione di chip e la ricerca per garantire un vantaggio sulla Cina nelle tecnologie avanzate e per affrontare le carenze per le industrie critiche come le auto.

“Proteggere le catene di approvvigionamento dell’America è una priorità assoluta per il presidente Biden e la sua amministrazione”, ha detto il direttore del Consiglio economico nazionale degli Stati Uniti Brian Deese e il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan in una dichiarazione che accoglie l’investimento di Samsung.

“Continueremo a usare ogni strumento e perseguire ogni strada per investire nelle nostre fonti di forza come la produzione e la tecnologia”.

Abbott, affiancato in una conferenza stampa dal vice presidente di Samsung Electronics Kinam Kim e dal senatore del Texas John Cornyn, ha detto che la decisione della società è una testimonianza dell’ambiente economico del Texas costruito su tasse basse, regolamenti ragionevoli e infrastrutture robuste.

Lo scorso inverno il Texas ha subito un’interruzione di corrente diffusa per diversi giorni, causando circa 300 miliardi di KRW (circa 1.880 crore di Rs) – 400 miliardi di KRW (circa 2.510 crore di Rs) di danni all’attuale stabilimento di chip di Samsung ad Austin, Texas.

“Sono estremamente fiducioso che la rete elettrica sia stabile, resistente e affidabile”, ha detto Abbott martedì alla domanda sulla fornitura di elettricità per l’impianto.

Il nuovo sito nella contea texana di Williamson, che comprende la città di Taylor, ha offerto il miglior pacchetto di incentivi tra i siti che Samsung stava considerando, hanno detto fonti alla Reuters.

Sicurezza nazionale

Il senatore Cornyn martedì ha invitato l’amministrazione Biden a investire più denaro per attirare i produttori di chip negli Stati Uniti, definendolo un “imperativo di sicurezza nazionale”.

“Se la Cina continua a sabotare, la maggior parte del mondo potrebbe essere alla loro mercé quando si tratta di fornitura di semiconduttori critici”, ha detto Cornyn.
Kim di Samsung ha ringraziato l’amministrazione Biden per “aver creato un ambiente che supporta aziende come Samsung mentre lavoriamo per espandere la produzione di semiconduttori all’avanguardia negli Stati Uniti”.

“Ringraziamo anche l’amministrazione e il Congresso per il loro sostegno bipartisan per attuare rapidamente gli incentivi federali per la produzione nazionale di chip e l’innovazione”.

Samsung non ha specificato cosa farà il nuovo impianto oltre ai chip logici avanzati che possono essere utilizzati per alimentare dispositivi mobili e veicoli autonomi.

Gli analisti hanno detto che probabilmente farà chip all’avanguardia di 5 nanometri o meno, utilizzando macchine prodotte dalla olandese ASML, per grandi clienti come Qualcomm. Tali chip possono gestire più dati per area rispetto ai chip da 14 e 28 nanometri che Samsung produce principalmente nello stabilimento americano di Austin.

Il sito di Taylor, a circa 25 miglia (40 km) da Austin, si estende su più di 5 milioni di metri quadrati, ha detto Samsung.

Il vice presidente di Samsung Electronics Jay Y. Lee ha incontrato i funzionari della Casa Bianca e i leader di aziende come Alphabet’s Google, Amazon e Microsoft durante un viaggio negli Stati Uniti la scorsa settimana.