Solo una manciata di balene di Ethereum possiede la maggior parte degli NFT: Rapporto

Solo una manciata di balene di Ethereum possiede la maggior parte degli NFT: Rapporto

Una nuova ricerca ha rivelato che la maggior parte dei token non fungibili (NFT) sono posseduti da balene – grandi investitori che hanno vincolato la maggior parte delle opzioni disponibili – che rappresentano oltre l’80% del mercato. Gli investitori individuali messi insieme hanno rappresentato meno del 20 per cento del mercato totale NFT su Ethereum, tra il 1 aprile e il 25 settembre 2021, secondo la ricerca della piattaforma di analisi blockchain Moonstream.

Gli NFT sono oggetti da collezione virtuali che fanno uso della tecnologia blockchain per identificare la proprietà di beni virtuali, che potrebbero essere musica, video, immagini, o qualsiasi altro file digitale come attrezzature o personaggi di gioco. E nel corso di quest’anno, gli NFT sono stati uno dei beni più caldi nello spazio crypto, da quando una collezione è stata messa all’asta per 69 milioni di dollari, o oltre 500 crore di rupie. Ma forse non è una sorpresa che la maggior parte delle partecipazioni siano concentrate tra i grandi investitori.

La piattaforma di analisi Blockchain Moonstream ha detto che la loro scansione di 1.145.767 blocchi ha prodotto attività di trasferimento per 7.020.950 token da 9.292 contratti Ethereum NFT attraverso 727.102 indirizzi. Come evidenziato dal rapporto, queste coniazioni e trasferimenti NFT giocano un ruolo chiave nel formare il nucleo del dataset Ethereum.

“Molti di questi proprietari sono marketplaces e clearinghouses come OpenSea, Nifty Gateway, e altre piattaforme dello stesso tipo”, il rapporto ha detto elencando alcune balene NFT su Ethereum.

Mentre l’attuale modello di distribuzione degli NFT sulla rete Ethereum mostra un’inclinazione verso i portafogli balena, il rapporto ha notato che i piccoli investitori NFT sono anche in giro, partecipando alla crescita di questo spazio.

“Ciò che questi dati ci mostrano è che il mercato NFT di Ethereum è aperto nel senso che la stragrande maggioranza dei suoi partecipanti sono piccoli acquirenti che probabilmente fanno i loro acquisti manualmente”, ha evidenziato il rapporto.

Attualmente, l’83,29% degli appassionati di Ethereum possiede il restante 19,02% degli NFT disponibili sulla blockchain.

Con celebrità come Amitabh Bachchan, Salman Khan e Snoop Dogg tra gli altri, lo spazio NFT sta prosperando in diverse parti del mondo.

Il volume delle vendite di NFT è salito a 10,7 miliardi di dollari (circa Rs. 79.820 crore) nel terzo trimestre del 2021, secondo i dati del market tracker DappRadar. Questa cifra è otto volte superiore a quella del trimestre precedente.

L’aumento delle vendite e i prezzi elevati degli NFT – oggetti che non esistono fisicamente – hanno sconcertato molti, ma la crescita multipla non sta mostrando alcun ammortamento.

Sul più grande mercato di NFT, OpenSea, i volumi di vendita hanno raggiunto 3,4 miliardi di dollari (circa 25.320 crore di rupie) in agosto e sono rimasti forti anche in settembre quando i mercati azionari globali hanno vacillato.

Ci sono però alcuni seri impatti ambientali associati agli NFT.

Recentemente, Chris Hinkle, il direttore tecnico della TRG Datacenters con sede negli Stati Uniti, ha detto che la maggior parte degli NFT fanno parte della blockchain di Ethereum, che è stata ampiamente criticata perché una singola transazione ha un’impronta di carbonio equivalente a 140.893 transazioni con carta di credito Visa.