Tesla è stata condannata a pagare oltre 130 milioni di dollari ad un ex lavoratore nero per razzismo: Rapporto

Tesla è stata condannata a pagare oltre 130 milioni di dollari ad un ex lavoratore nero per razzismo: Rapporto

Tesla è stata condannata da una giuria federale a pagare più di 130 milioni di dollari (circa Rs. 970 crore) in danni a un ex lavoratore nero di nome Owen Diaz, scoprendo che è stato sottoposto a un ambiente di lavoro razzialmente ostile, ha riportato il Wall Street Journal.

La giuria ha stabilito che la società non è riuscita a prendere misure ragionevoli per evitare che Diaz, un lavoratore a contratto che ha lavorato come operatore di ascensore presso la fabbrica Tesla di Fremont nel 2015 e 2016, fosse molestato razzialmente, ha aggiunto il giornale.

Tesla e i suoi avvocati non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento di Reuters. Anche gli avvocati di Diaz non hanno risposto a una richiesta di commento.

Prima dell’inizio del processo, il giudice William Orrick ha respinto gli sforzi di Tesla per escludere un giurato dalla giuria, dicendo che credeva che il tentativo fosse basato sulla razza e “volutamente discriminatorio”.

L’anno scorso, la casa automobilistica elettrica ha rivelato nel suo primo rapporto sulla diversità negli Stati Uniti che i dipendenti neri costituiscono solo il 4 per cento dei ruoli di leadership americana di Tesla e il 10 per cento della sua forza lavoro totale nel paese.

Il processo è stato ascoltato presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti, distretto settentrionale della California.

© Thomson Reuters 2021

Related Posts

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia