Vertice sul crimine informatico: La Russia esclusa dalla riunione di 30 paesi per combattere gli attacchi Ransomware

Vertice sul crimine informatico: La Russia esclusa dalla riunione di 30 paesi per combattere gli attacchi Ransomware

La Russia non è stata invitata a partecipare a una riunione virtuale di 30 paesi guidata dagli Stati Uniti che mira a combattere la crescente minaccia di ransomware e altri crimini informatici, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione. Molte bande di ransomware operano dall’Ucraina e dalla Russia, dicono gli esperti di cybersicurezza del settore privato. Alcuni funzionari e analisti statunitensi hanno detto che le bande ransomware russe operano con la tacita approvazione del Cremlino, ma non sono direttamente controllate dal governo.

L’incontro si terrà in due giorni, coinvolgerà sei sessioni e includerà argomenti come l’uso improprio della valuta virtuale per riciclare i pagamenti dei riscatti, perseguire i criminali del ransomware, usare la diplomazia per contrastare il ransomware, e aiutare le nazioni a diventare più resistenti a tali attacchi, ha detto il funzionario dell’amministrazione.

Insieme agli Stati Uniti, quattro paesi tra cui India, Australia, Germania e Regno Unito condurranno discussioni su argomenti come la distruzione, la valuta virtuale e la diplomazia. Altri che si uniscono alla riunione includono Canada, Francia, Regno Unito, Brasile, Messico, Giappone, Ucraina, Irlanda, Israele, Sud Africa, Unione Europea.

“Stiamo avendo discussioni attive con i russi, ma in questo particolare forum non sono stati invitati a partecipare”, ha detto l’alto funzionario dell’amministrazione, aggiungendo che questo non preclude alla Russia di partecipare a eventi futuri.

Il funzionario ha detto che gli Stati Uniti si impegnano direttamente con la Russia sulla questione del ransomware sotto il gruppo di esperti USA-Cremlino, che è guidato dalla Casa Bianca ed è stato istituito dal presidente Joe Biden e dal presidente russo Vladimir Putin.

Il funzionario ha detto che le discussioni con la Russia sono in corso, gli Stati Uniti hanno condiviso informazioni su specifici attori criminali in Russia e che il paese ha fatto i primi passi per affrontare le questioni sollevate.

Il presidente Joe Biden ha elevato la risposta alla cybersicurezza ai livelli più alti dell’amministrazione dopo una serie di attacchi quest’anno che hanno minacciato di destabilizzare le forniture energetiche e alimentari degli Stati Uniti.

Gli hacker hanno causato interruzioni di carburante negli Stati Uniti orientali a maggio, quando hanno preso di mira un oleodotto gestito da Colonial Pipeline.

L’amministrazione Biden spera che il loro nuovo gruppo informale, che stanno chiamando la Counter-Ransomware Initiative, sosterrà la loro spinta diplomatica che ha incluso colloqui diretti con la Russia, così come l’alleanza NATO e il Gruppo dei Sette nazioni ricche.

Related Posts

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia