Yara debutta la prima nave container elettrica autonoma al mondo

Yara debutta la prima nave container elettrica autonoma al mondo

La prima nave container al mondo completamente elettrica e autosterzante, di proprietà del produttore di fertilizzanti Yara, si sta preparando a navigare sulla costa meridionale della Norvegia e a fare la sua parte nei piani del paese per ripulire la sua industria.

La Yara Birkeland, un cosiddetto feeder lungo 80 metri, è destinata a sostituire il trasporto su camion tra lo stabilimento di Yara a Porsgrunn nel sud della Norvegia e il suo porto di esportazione a Brevik, a circa 14 km di distanza su strada, a partire dal prossimo anno.

Taglierà 1.000 tonnellate di emissioni di carbonio all’anno, equivalenti a 40.000 viaggi su strada alimentati a diesel, e dovrebbe essere completamente autonomo in due anni.

Per Yara significa ridurre le emissioni di CO2 nel suo stabilimento di Porsgrunn, una delle maggiori fonti di CO2 in Norvegia, ha detto l’amministratore delegato Svein Tore Holsether.

“Ora abbiamo fatto questo salto tecnologico per dimostrare che è possibile, e sto pensando che ci sono così tante rotte nel mondo dove è possibile implementare lo stesso tipo di nave”, ha detto a Reuters.

Costruita da Vard Norway, Kongsberg ha fornito la tecnologia chiave, compresi i sensori e l’integrazione necessaria per le operazioni remote e autonome.

“Non si tratta di sostituire i marinai, ma i camionisti”, ha detto Jostein Braaten di Yara, project manager della nave, al ponte della nave, che sarà rimosso quando la nave funzionerà a piena automazione.

La nave caricherà e scaricherà il suo carico, ricaricherà le sue batterie e navigherà anche senza coinvolgimento umano.

I sensori saranno in grado di rilevare rapidamente e capire gli oggetti come i kayak nell’acqua in modo che la nave possa decidere quale azione intraprendere per evitare di colpire qualcosa, ha detto Braaten.

Il sistema dovrebbe essere un miglioramento rispetto ad un sistema manuale, ha aggiunto.

“Abbiamo tolto l’elemento umano, che oggi è anche la causa di molti degli incidenti che vediamo”, ha detto Braaten.

La nave, che all’inizio farà due viaggi alla settimana, ha la capacità di trasportare 120 container da 20 piedi di fertilizzante alla volta.

È alimentata da batterie fornite dalla svizzera Leclanche che contengono 7 megawattora su otto camere di batterie, l’equivalente di 100 auto Tesla, ha detto Braaten.

© 2021 SharTec - In primo piano in Tecnologia