YouTube esplorerà le funzionalità NFT per i creatori di video, dice il CEO Susan Wojcicki

YouTube esplorerà le funzionalità NFT per i creatori di video, dice il CEO Susan Wojcicki

YouTube sta esplorando le caratteristiche per i suoi creatori di video per capitalizzare i gettoni non fungibili, il suo amministratore delegato ha detto martedì, diventando l’ultima azienda tecnologica a sfruttare la mania dei collezionabili digitali che è esplosa nell’ultimo anno.

“Siamo sempre concentrati sull’espansione dell’ecosistema di YouTube per aiutare i creatori a capitalizzare le tecnologie emergenti, comprese cose come gli NFT, mentre continuiamo a rafforzare e migliorare le esperienze dei creatori e dei fan su YouTube”, ha scritto il CEO di YouTube Susan Wojcicki in una lettera sulle priorità della società per il 2022.

Gli NFT sono un tipo di beni digitali che esistono sulla tecnologia di registrazione blockchain. Hanno visto un’impennata di popolarità nel corso dell’ultimo anno, con persone che acquistano opere d’arte e video di partite sportive come NFT.

Le vendite di NFT hanno raggiunto circa 25 miliardi di dollari (circa Rs. 1.88.030 crore) nel 2021, secondo i dati del market tracker DappRadar, anche se ci sono stati segni di rallentamento della crescita verso la fine dell’anno.

Un portavoce di YouTube di Alphabet ha rifiutato di condividere ulteriori dettagli sulle potenziali caratteristiche NFT, che sono state riportate per la prima volta da Bloomberg News.

La scorsa settimana, Twitter ha annunciato il lancio di uno strumento attraverso il quale gli utenti possono mostrare gli NFT come immagini di profilo esagonali. La popolare app di video brevi TikTok a settembre si è avventurata nella mania, annunciando una collezione di NFT progettata da alcuni dei suoi migliori creatori.

Anche Reddit Inc ha esplorato lo spazio: recenti annunci di lavoro della società su LinkedIn pubblicizzano diversi ruoli da ingegnere per un “team in rapida crescita che mira a costruire la più grande economia dei creatori su Internet, alimentata da creatori indipendenti, beni digitali e NFT”.